Mercoledì 16 Aprile 2014
   
Text Size

BIGLIETTI OMAGGIO PER IL LUNA PARK AI BAMBINI BISOGNOSI

palazzo_de_mari

 Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa:

“Mercoledì  l’Amministrazione offre biglietti per le giostre ai bambini bisognosi”.

Una scelta politica, un nuovo modus operandi, un diverso approccio con la cittadinanza: questi anni l’Amministrazione Comunale ha deciso di non accettare i biglietti omaggio che come da consuetudine, vengano distribuiti a Sindaco, Assessori e Consiglieri, ma di delegare ai Servizi Sociali l’individuazione di bambini appartenenti a nuclei famigliari disagiati a cui distribuire ticket omaggio.

Pertanto nella mattinata di mercoledì 8 settembre, le famiglie saranno contattate dai servizi sociali e saranno date loro tutte le informazioni relative alla erogazione dei biglietti da utilizzarsi nella stessa serata.

L’obiettivo dell’Amministrazione, attraverso questa iniziativa, è quello di favorire l’accesso al Luna Park anche ai bambini che altrimenti non ne avrebbero avuto la possibilità.

 

                                                                                                                     L'Amministrazione Comunale

Commenti 

 
#6 vittorio alias habanero 2010-09-10 12:21
sempre il solito commento "come me nessuno mai" pistilli ma mi faccia il piacere................. anke quest'anno e come sempre i blokki di biglietti omaggio erano in mano a persone con doppi stipendi, liberi professionisti e politici e qualcuno li ha anche venduti a meta' prezzo, quindi tutto come prima e piu' di prima auguri ragazzi tanto a pagare siamo sempre noi.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Lucio Osservatore 2010-09-08 21:58
Il caro ex Sindaco Pistilli, come tutti i politici di rango, scrive solo una parte della verità: a) non ha mai coinvolto le consulte cittadine facendo pensare che la consegna dei biglietti fosse una azione clientelare; b) anzichè farsi avere biglietti gratis, e tantissimi ne sono stati dati alle forze dell'ordine e ai consiglieri comunali, ecc., avrebbe fatto bene, come garante dei cittadini, a far pagare ai giostrai l'occupazione del suolo poubblico (fior di migliaia di euro); spiegare alla cittadinanza come mai le autorizzazioni venivano rilasciate ai giostrai il giovedì (DOPO FESTA)e non preventivamente come sancito dalla legge; deve spiegare alla cittadinanza come mai le norme di sicurezza non erano rispettate mettendo a rischio tanti cittadini. Il dott. Pistilli avrebbe quindi fatto bene a far incassare quanto dovuto dai giostrai al Comune e con quei (tanti) soldini finanziare progetti per i bambini che si trovano in situazione di disagio . . . meglio che definirli bisognosi!!! Inoltre vorrei ricordare ai lettori che il Sindaco farebbe bene a far verificare dai suoi vigili urbani se non dalla guardia di finanza la durata dei "giri" delle giostre così accerterebbe le truffe operate ai danni dei cittadini, altro che biglietti omaggio!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Francesco PISTILLI 2010-09-08 17:15
Apprendo da un comunicato stampa di un giornale telematico che l’attuale amministrazione comunale, in occasione della festività della Santa Patrona, offrirà nella giornata odierna i biglietti per le giostre ai bambini bisognosi perché questi possano gratuitamente accedere , oggi - ultima giornata di festa - alle giostre.
Un modus operandi che viene definito innovativo.
Mi corre ricordare che negli anni scorsi quella decisione è stata già assunta dal sottoscritto, in collaborazione con i servizi sociali, con una differenza di fondamentale importanza: le famiglie indigenti venivano contattate non nell’ultima giornata della festa, ma quando la stessa doveva aver inizio perché tutti i bambini della città e le famiglie potessero vivere allegramente quei momenti, nel vincolo della reciproca unione e solidarietà, affinché nessuno si potesse sentire estraneo o escluso nella indispensabile concordia degli animi e pur nella pluralità delle posizioni sociali e politiche.
Sentirsi parte di una collettività è una conquista che passa attraverso diverse realtà che compongono la società. Il processo d’inserimento e di integrazione è il primo passo che una istituzione ha l’obbligo di attuare.
La nostra Amministrazione si è sempre caratterizzata per lo spirito di umanità e solidarietà, dando vita a diversi progetti in favore delle fasce deboli: Servizio Civico Comunale, Ufficio di Mediazione Sociale, Affido Familiare, Assistenza Domiciliare ai Diversamente Abili, Assistenza Scolastica Specialistica, Servizio Educativa Territoriale, Assistenza Scolastica di Base, Recupero ed Assistenza Scolastica, Sportello di Orientamento e Prevenzione, Ludoteca, Laboratorio di Informatica, Assistenza Domiciliare Anziani.
Il valore di una società sempre più attenta e solidale verso tutte le forme di disabilità e di bisogno è a fondamento del comune diritto alla piena cittadinanza. Ma questo diritto oggi viene rispettato?
Credo proprio di no, considerato che le fasce deboli vengono emarginate e relegate ad essere ultimi anche in occasione della Festa Patronale, grazie a questa amministrazione .
Questa è la politica dell’autorefere nzialità: tutta chiacchiere e distintivo arbitrariamente messa in atto per celare il quaquaranquismo ed il furibondo litigio avvenuto ieri fra i consiglieri di maggioranza per l’accaparrament o dei biglietti, rispogliando, così, il manuale che insegue l’arte del potere.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 giliu 2010-09-08 16:04
ma quale nuovo modus operandi!!!ques te cose sn state sempre fatte dall'amministrazione pistilli..con la difefrenza che le famiglie della 285 etc non venivano contattate il mercocledi mattina..ma prima dell'inizio della efsta perkè i bambini potessero usufruire dei biglietti dalla domenica al mercoledi!!e non solo il mercoledi!!ma per piacere...!!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#2 *** 2010-09-07 16:36
bravo coccio squiccio.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Lucio Osservatore 2010-09-07 11:59
Mi auguro che questa volta il mio commento trovi spazio! 2 osservazioni: i bambini bisognosi vanno integrati agli altri e non "ghettizzati" il mercoledì a fine festa; cambiano i sindaci ma lo stile è sempre lo stesso ovvero non si tiene conto delle consulte iscritte nei programmi elettorali e sbandierate per mera propaganda politica. Il sociale ha bisogno di seri progetti e non di essere utilizzato per fare bella mostra delle proprie buone azioni. Il sindaco avrebbe fatto bene a verificare che anche i vigili urbani, carabinieri, ecc. non avessero ricevuto biglietti omaggio. Da questo è facile comnprendere perchè non abbassando il volume dopo la mezzanotte, come ordinato dal suo provvedimento, le forze dell'ordine non intervengono: la magia dei biglietti omaggio. Nulla è cambiato se non solo i nomi dei nostri rappresentanti. Che amarezza!!!:cry ::cry:
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI